Nuove cellule, corpo più giovane di 10 anni

Standard

Andiamo avanti con l’età, ma il nostro corpo resta incredibilmente giovane, di sette e anche dieci anni. Succede perché le cellule di molti tessuti si rinnovano in modo incessante e mantengono freschezza anagrafica. Come avere una doppia velocità.

Processo non del tutto sconosciuto ai ricercatori impegnati a scoprire i segreti dell’invecchiamento ma che ora acquista nuovo spessore alla luce di una pubblicazione molto importante comparsa nel numero di agosto della rivista Cell. Un biologo molecolare del Karolinska Institute di Stoccolma ha trovato il sistema di contare con precisione gli anni delle cellule. Il metodo è quello del carbonio 14, già utilizzato nel campo dell’archeologia e paleontologia, quello che è servito per attribuire una data alla Sacra Sindone. Ma è la prima volta che viene applicato all’uomo. Jonas Frisen ha analizzato le quantità di carbonio 14 presenti nel Dna come conseguenza di quello che abbiamo respirato verso la fine degli anni 50 60, anni dei test nucleari. Così ha calcolato che ad esempio l’età delle cellule intestinali di un 38enne è di 10 anni in meno. Le uniche a nascere e morire assieme a noi sono quelle dell’occhio, forse quelle del cuore e le cellule cerebrali, sebbene anche in quest’area siano state esplorate piccole zone che mantengono la giovinezza, ad esempio il bulbo olfattivo e una piccola isola nell’ippocampo. Viene così smentita definitivamente la teoria secondo la quale l’uomo è un essere immutabile, invece dobbiamo immaginare una macchina in perenne trasformazione. Le cellule dello stomaco hanno un turn over di circa 5 anni, ogni 10 rinascono quelle delle ossa, più breve invece la loro vita nel sangue, 120 giorni contro le due settimane dell’epidermide. Ma perché allora arriva un momento in cui il deterioramento è ineluttabile? Secondo Frisen, intervistato dal New York Times, dipende dalle cellule staminali dei tessuti: “ con l’età la capacità di creare nuovi tasselli da sostituire a quelli consumati viene meno”.

I ricercatori accarezzano un sogno: riuscire a governare il processo dell’invecchiamento non solo per fermare gli anni ma anche per evitare le malattie che si accompagnano alla terza e quarta età. Sappiamo che a determinare la vecchiaia delle cellule è il micro- ambiente in cui sono immerse, vale a dire le citochine o i fattori di crescita. E’ vero, le cellule del corpo sono più giovani dell’età anagrafica ma sono condizionate dal contesto. Dovremmo capire quali sono gli elementi determinanti che ne inibiscono l’attività.

Finora però gli esperimenti si basano su metodi indiretti e imprecisi tanto da sollevare seri dubbi sulla plasticità delle staminali.

Costantino Mazzanobile

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...